Archivio | aprile, 2012

Il bello della diretta

26 Apr

Alzi la mano chi è riuscito a sorbirsi a tarda ora martedì a Matrix tutto lo show del bel presidente della regione Lombardia al 4° mandato eletto dal 1995…. sic

Il 13 dicembre 2004 la Facoltà di Scienze della comunicazione e dello spettacolo dell’Università IULM di Milano gli ha conferito la Laurea Honoris Causa in Scienze e tecnologie della comunicazione e lo spettacolo offerto da Formigoni l’altra sera è stato all’altezza del titolo di studio guadagnato sul campo. Inizia l’autodifesa di vacanze gratis (?) mentendo sul suo principale accusatore, Giancarlo Grenci, collocandolo nelle patrie galere, quindi persona non degna.

Possibile che nessuno in studio sapesse o qualcuno della redazione si sia preso la briga di accendere un pc per verificare se l’indagato Grenci sia o sia mai stato in galera?

Nonostante l’ambiente favorevole, ovattato, il Presidente Formigoni a grandi sorrisi ha continuato a gesticolare come un pesce fuor d’acqua, annaspando a grandi bracciate è arrivato in fondo apparentemente tranquillo, non rispondendo ad alcuna domanda, respingendo con le braccia il fango che, continuando a mentire, sosteneva gli stessero gettando addosso.

La iena

21 Apr

Andrea Agresti per Le Iene di mercoledì 18.04.2012 manda un servizio da Bolzano, dove il 09.08.2011 Daniele, un noleggiatore, consegna una Audi A8 per 3 giorni a Fabrizio Maria Corona per 800 euro, che dopo 25 giorni e varie richieste l’auto è stata restituita ed una fattura di 5.800,00 spedita che torna puntualmente indietro, causale ‘trasferito’, con l’aggiunta d’un pacco d’una ventina di multe per eccesso velocità, divieti di sosta, ingressi in ztl, ect.

Il bravo Agresti raggiunge Corona in un locale pubblico di Milano, gli fa vedere il video sul telefonino dell’appello del noleggiatore per il pagamento fattura. Corona sequestra immediatamente il telefonino di Agresti e chiama subito dal proprio cellulare Enrico Guastini, comandante dei carabinieri della stazione di via Moscova e gli intima di raggiungerlo al locale in dieci minuti in divisa!

La scena finisce ad insulti e cazzotti dopo che il carabiniere, incredibilmente arrivato alla telefonata di Corona, pronuncia la frase ‘secondo me non c’è reato’. Incredibile la violenza, l’arroganza di Corona, come incredibile la sudditanza del carabiniere.

Tanto si può commentare sui 10 minuti passati su Italia1, da diligente contabile ho memorizzato la data rilascio patente 03/11/2010 e data scadenza 03/11/2020 passata sullo schermo. Nel 2010 per tre volte in pochi mesi era stato trovato alla guida senza patente, ecco la mia sciocca domanda è con quale pratica è riuscito Corona a riottenere subito il rilascio del documento.

Tanto si potrebbe scrivere di questo scaltro, intelligente, bello, furbo, arrogante personaggio, ma è certo che il suo futuro prossimo è in politica. Anzi sarà, insieme a Montezemolo, la grande, epocale novità annunciata da Alfano per i prossimi mesi: burlesquonismo.

Il diploma

20 Apr

  Quando una serie di eventi storici, considerati negativi, si conclude con inattesi risultati compensatori

Lo pensiamo tutti da sempre: come ha fatto il movimento della Lega a convincere indisturbato per oltre vent’anni la parte migliore dell’Italia, più benestante, più istruita, più presentabile. Come poteva applaudire la folla sotto il palco al suo leader che diceva d’avercelo duro, mafioso d’arcore, padania, pronti con il colpo in canna 300.000 fucili, roma ladrona la lega non perdona,….

Assistiamo increduli alla crescita di questo movimento che ha fatto dell’ignoranza il suo credo e trovava la sua forza nel disprezzo della cultura.

Ora abbiamo avuto la dimostrazione di cos’era quello sfoggio di violenza verbale, quella arroganza.

Ma è consolatorio sapere che alcuni dirigenti di quel movimento sono nei guai per essersi procacciati titoli di studio a pagamento?

 

Buonisti

14 Apr

Il più pulito ha la rogna

Son tutti uguali

Ecco, no. Non ci ho mai voluto credere. Ho sempre pensato fosse qualunquismo, miseria intellettuale, conformismo, indifferenza, qualunquemente…

Veniamo a sapere ora e sottolineo ora, che il finanziamento pubblico ai partiti, depennato con referendum popolare, resuscitato a nuova vita col nome di rimborso elettorale, ammonta a tre volte tanto le spese effettive sostenute dal partito, tanto da costringere i cassieri a far investimenti vari, per non sprecare le risorse pubbliche…

Rimborso elettorale! Noi ingenui pensavamo che il tesoriere del partito conservasse tutte le pezze in una cartelletta e che coi gomiti della giacca consunti, presentasse il conto spese all’erario, che con ritardo (!!) rifocillasse i poveri partiti…. ma ad esempio, sembra piovano ben 503 milioni di euro per le sole elezioni politiche del 2008 a fronte di spese reali documentate per poco più di 150 milioni di euro…

Si scopre solo ora, e sottolineo solo ora, che la Tanzania si schifa dei nostri soldi pubblici e li restituisca al mittente, casualmente Lega Nord (bauscia e terùn), perché dubbia ne è la provenienza.

Scendiamo in piazza? Buttiamo uova marce contro i portoni delle sedi dei partiti? Noi no!, noi cittadini modello, mortificati nel corpo e nello spirito, impoveriti, defraudati, aspettiamo ancora un segnale dalle sedi istituzionali. Che arriva! Infatti i partiti hanno incominciato a dire che il governo doveva tenersi alla larga, che insomma ci avrebbero pensato loro con una legge di iniziativa parlamentare a rendere trasparenti i rimborsi elettorali e i bilanci dei partiti.

 Eh si che ci abbiamo creduto… sull’onda ‘scandalo’ Lega non pensavamo che il disegno di legge finisse subito impantanato nelle secche delle commissioni con davanti almeno un anno per essere approvato. Abbiamo creduto in un decreto urgente, visto che le nostre pensioni e i nostri stipendi hanno subìto tagli immediati.

Ma c’è un ‘piccolo’ dettaglio a far crescere l’amarezza: sembra che i partiti debbano ancora incassare quest’anno “soli” cento milioni di euro. E invece non è così, sono almeno il doppio. Infatti non c’è da rimborsare solo la quota annua per le elezioni politiche del 2008, ma ci sono anche le frazioni per le elezioni europee del 2009, le regionali del 2010, più altre varie consultazioni elettorali in regioni autonome.

Ogni partito incasserà senza vergogna, a detta di Dozzo sembra che la Lega li evolverà in beneficenza, ma delle nostre tasche…

Porchetta e Panetta

10 Apr

Ieri sera di ritorno dalla gita fuori porta di pasquetta verso le 22 e 30 sentendomi a corto di novità accendo la tv su tgcom24 e sento un giovane giornalista che dando la notizia della morte di Miriam Mafai ne legge una breve biografia ricordando che è stata la compagna di Panetta. E’ vero, dopo una giornata massacrante a dar calci ad una palla, a pescare nel fiume, a giocare a briscola, tutto condito da pecorino, fave, porchetta, pizze salate a rigorosa ricetta Parodi, vino, birra, anche il giornalista è stanco e la correzione in Pajetta, non ha fatto altro che aumentare lo sconforto di noi adulti che ancora ricordiamo un poco. Quel bravo giovane non ne aveva mai sentito parlare ed anche Pajetta che nel 1931 andò in esilio in Francia in presagio scelse lo pseudonimo di “Nullo”.