Archivio | incapacità RSS feed for this section

Il diploma

20 Apr

  Quando una serie di eventi storici, considerati negativi, si conclude con inattesi risultati compensatori

Lo pensiamo tutti da sempre: come ha fatto il movimento della Lega a convincere indisturbato per oltre vent’anni la parte migliore dell’Italia, più benestante, più istruita, più presentabile. Come poteva applaudire la folla sotto il palco al suo leader che diceva d’avercelo duro, mafioso d’arcore, padania, pronti con il colpo in canna 300.000 fucili, roma ladrona la lega non perdona,….

Assistiamo increduli alla crescita di questo movimento che ha fatto dell’ignoranza il suo credo e trovava la sua forza nel disprezzo della cultura.

Ora abbiamo avuto la dimostrazione di cos’era quello sfoggio di violenza verbale, quella arroganza.

Ma è consolatorio sapere che alcuni dirigenti di quel movimento sono nei guai per essersi procacciati titoli di studio a pagamento?

 

Annunci

Brioches e case

12 Feb

A tutti  capita di sbagliare, eppure quando a mancare di sensibilità è un’alta carica il fastidio è tanto. Il sottosegretario alla salute francese, Nora Berra, di origini algerine, ha pubblicato 5 giorni fa un appello con risvolto comico, se non fosse il momento veramente grave: ha raccomandato sul suo blog ai senzatetto di ‘’non uscire di casa’’ con il freddo polare.

‘’Ricordo, nel quadro dell’ondata di freddo che si abbatte attualmente sul Paese, le principali misure da adottare in caso di gelo  per le persone vulnerabili (senzatetto, neonati, ecc.). Nel caso di grande freddo, raccomando a queste persone di evitare di uscire di casa’’.

Twitter è stato in pochi minuti letteralmente invaso dai ‘’post’’ con la frase della sottosegretaria: ‘’amici senzatetto, non dimenticate di blindare il vostro impianto wifi con una password difficile da indovinare’’; ‘’amico senzatetto, sii ecosostenibile, spegni la tua macchina Nespresso prima di uscire’’; ‘’amico senzatetto che dormi in macchina al gelo, pensa a metterla in garage, possibilmente riscaldato’’. Ma intanto sarà ricordata, insieme alla Maria Antonietta, che invitava a mangiare brioches a chi non aveva pane, per essere lontana dalla realtà.